Menu

Memoria/Democrazia

le stragi
i mandanti occulti
la necessità della memoria

.il progetto

Uno strumento di informazione, studio, condivisione di documenti, dati, materiale pubblicato dalla stagione delle stragi al neofascismo di oggi. Un database a disposizione di tutte e tutti per creare una memoria collettiva attraverso un aggiornamento continuo. Una memoria viva, rigorosa, attiva.

Il punto di partenza sono gli undici anni della strategia della tensione. Aprile 1969. Le organizzazioni neofasciste italiane decidono di trasformare la strategia antidemocratica - disegna dall’Istituto Pollio durante il convegno a Parco dei principi del 1965 - in un piano eversivo. Piazza Fontana, Piazza della Loggia, il treno Italicus e, il 2 agosto 1980, l’esplosione di una bomba nella stazione di Bologna.

Le inchieste hanno definito il ruolo dell’eversione nera. Ma hanno anche dimostrato l’attività di copertura e di infiltrazione dei servizi militari italiani. Molti punti rimangono nell'ombra, mentre la magistratura di Bologna continua ad indagare.

Oggi, negli anni 2000, i conti non sono stati ancora chiusi. Le due principali organizzazioni eversive – Ordine nuovo e Avanguardia nazionale – sono state riattivate. I manifesti politici del neofascismo trovano di nuovo spazio, riproponendo la visione identitaria, reazionaria e antidemocratica.

Memoriattiva ricollega i pezzi, evidenzia le responsabilità politiche, ricuce la storia.

Le tappe del progetto

Passo dopo passo,
ricostruendo la memoria

Definire il campo

Il punto di partenza è il periodo di undici anni della strategia della tensione (1969-1980). Stiamo raccogliendo i materiali sulle stragi, partendo dalle sentenze

Definire lo strumento

Utilizzeremo un sistema di database avanzato, basato su 'elasticsearch'. I materiali verranno indicizzati, resi ricercabili utilizzando sistemi evoluti.

La piattaforma

Abbiamo scelto la piattaforma che riteniamo ottimale per poter consultare online i materiali, effettuando ricerche sofisticate. Si chiama 'aleph data', è open source ed è stato realizzato dal consorzio di giornalismo investigativo OCCRP

Giornalismo investigativo

Accanto al database dei materiali prevediamo la pubblicazione di analisi, inchieste ed interviste sul tema della destra radicale, dei pericoli per la democrazia e sui nuovi netowrk identitari europei

Partecipazione

La banca dati dei materiali sarà pubblica, aperta a tutti. Sarà partecipata nel finanziamento, che verrà dal basso. Sarà trasparente, open source e verificabile

.chi siamo

Siamo un gruppo di giornalisti, storici e ricercatori. Con un obiettivo: puntare il faro sui nemici della democrazia

Repellat dignissimos libero. Qui sed at corrupti expedita voluptas odit. Nihil ea quia nesciunt. Ducimus aut sed ipsam. Autem eaque officia cum exercitationem sunt voluptatum accusamus. Quasi voluptas eius distinctio. Voluptatem dignissimos ut.

Author image Andrea Palladino Giornalista

Repellat dignissimos libero. Qui sed at corrupti expedita voluptas odit. Nihil ea quia nesciunt. Ducimus aut sed ipsam. Autem eaque officia cum exercitationem sunt voluptatum accusamus. Quasi voluptas eius distinctio. Voluptatem dignissimos ut.

Author image Antonella Barranca Giornalista, storica

.supporta

Tutto questo sarà possibile solo con il contributo di tutte e tutti. Basta una piccola donazione per mantenere la MemoriAttiva Dona con Paypal.